Museo Civico e Pinacoteca nel Palazzo Malatestiano

Museo Civico e Pinacoteca nel Palazzo Malatestiano anmeldelser, Fano

Museo Civico e Pinacoteca nel Palazzo Malatestiano

Museo Civico e Pinacoteca nel Palazzo Malatestiano
4
17:00–20:00, 21:00–23:00
Tirsdag
17:00 - 20:00
21:00 - 23:00
Onsdag
17:00 - 20:00
Torsdag
17:00 - 20:00
Fredag
10:00 - 13:00
17:00 - 20:00
Lørdag
10:00 - 13:00
17:00 - 20:00
Søndag
10:30 - 12:30
17:00 - 20:00
Om
Foreslått varighet
< 1 time
Foreslå endringer for å forbedre det vi viser.
Forbedre denne oppføringen
Området
Adresse

4.0
47 anmeldelser
Ypperlig
13
Svært bra
20
Gjennomsnittlig
9
Dårlig
2
Forferdelig
3

DeGustibus67
Torino, Italia13 911 bidrag
okt. 2021
Nel bel Palazzo Malatestiano, voluto da Pandolfo III Malatesta e costruito nella prima metà del Quattrocento, sono conservate interessanti opere e reperti dal periodo preistorico e fino all’arte contemporanea.

La collezione è divisa in quattro aree: la Sezione Archeologica, la Sezione delle Ceramiche, della Numismatica e la Pinacoteca.



Il percorso di visita inizia con le ceramiche tra cui spiccano Piatto alle verdure XVI sec. Fabbriche Metaurensi, Piatto con putto XVI sec. Fabbriche Metaurensi, Piatto Marche seconda metà del XVI sec. e altri oggetti di produzione locale. Nella sala attigua la numismatica con Medaglie e Monete di Papa Clemente VIII 1592-1605, La Moneta romana e la storia della Zecca di Fano con alcune monete dell’epoca.

Si passa quindi al piano superiore dove sorge la Pinacoteca, piccola e pregevole raccolta di dipinti, come l’Annunciazione del 1621 di Guido Reni, L'angelo custode del 1641 di Giovanni Francesco Barbieri, detto Il Guercino, Davide con la testa di Golia, prima del 1627di Domenico Zampieri, detto il Domenichino.

Infine, passando nella raffinata Corte Malatestiana, si notano all’esterno reperti molto interessanti come il Mosaico della pantera del II sec d.C. e Ancore, sarcofagi e terrecotte di epoche diverse.

L’ultima sezione è quella archeologica con innumerevoli reperti rinvenuti nella zona di Fano e nei dintorni.

La statua della Fortuna - marmo lunense, cioè di Carrara - I-II sec. D.C., la statua dell'Imperatore Claudio - marmo pario e pentelico 41-54 d.C., vasi in ceramica acroma I-III sec. A.C., fibule in bronzo di varie tipologie IX-VI sec. a.C. , anfore e altri oggetti.

Un piccolo prezioso museo della nostra meravigliosa Italia..consiglio la visita.

Il biglietto di ingresso costa 4 euro, mentre gli orari di apertura sono aggiornati sul sito.
Skrevet 14. oktober 2021
Denne anmeldelsen er den subjektive meningen til et Tripadvisor-medlem og ikke fra TripAdvisor LLC.

88monique
Milano, Italia4 574 bidrag
sep. 2021 • Par
Le raccolte del museo sono conservate all' interno del palazzo dei Malatesta, la cui signoria durò oltre cento anni portando grande prosperità alla città di Fano. Dopo aver superato l ' arco Borgia- Cybo, affacciato su piazza XX Settembre, si accede alla suggestiva corte "malatestiana" . La facciata principale è caratterizzata da una loggia quattrocentesca aperta da bifore e da una cinquecentesca caratterizzata da esili colonne e preceduta da una rampa di accesso. Si possono osservare anche due torrette, una cilindrica voluta da Galeotto Malatesta e l' altra merlata che risale al periodo di Pandolfo III. Il museo si compone di diverse aree tematiche. Nella sezione archeologica segnaliamo il mosaico della Pantera, risalente al II secolo d. C. a tessere bianche e nere , proveniente da una domus romana, quello del dio Nettuno posto su una quadriga trainata da ippocampi , databile al II- III secolo, la statua mutila dell' Imperatore Claudio, varie teste di pietra e marmo, lastre tombali e cippi miliari. Nella sala dedicata alla Ceramica, si osservano antichi manufatti risalenti ai secoli XIV - XIX. Ricca la sezione numismatica ove, oltre a monete romane, medioevali, ed alla collezione proveniente dalla zecca fanese operante fino al 1796, sono esposte le "Medaglie Malatestiane" , commissionate da Sigismondo Malatesta a Matteo de Pasti, nel 1446. Sulla scalinata è posto l' originale della statua della Fortuna di piazza XX Settembre. Al piano superiore si trova la piccola e graziosa Pinacoteca in cui sono conservate diverse tele tra le quali l' Annunciazione di Guido Reni, il Davide con la testa di Golia del Domenichino, l' Angelo custode del Guercino, una grande tela di Morganti raffigurante la Resurrezione di San Michele Arcangelo, e la Madonna di sant' Andrea di Antonio Palmieri.
Skrevet 26. september 2021
Denne anmeldelsen er den subjektive meningen til et Tripadvisor-medlem og ikke fra TripAdvisor LLC.

giuseppe m
San Giovanni in Persiceto, Italia563 bidrag
jul. 2021
Vale la pena di abbandonare per un'ora le spiagge per visitare il Museo Civico e la Pinacoteca di Fano, situata in una parte dell'antica sede direzionale dei Malatesta a Fano. Contiene pezzi interessanti, in particolare la Pinacoteca con il Guercino, i Cantarini e altri. La visita si svolge accompagnati dagli addetti del Comune, rigorosamente muti ed a volte un po' inquietanti.
Ho avuto la fortuna di poter visitare subito dopo anche l'altra parte del Palazzo malatestiano, di proprietà di una nota banca che apriva eccezionalmente al pubblico la sua quadreria. Ovviamente questa parte è stata nel tempo ristrutturata, anche se le antiche volte continuano a splendere.
Skrevet 24. juli 2021
Denne anmeldelsen er den subjektive meningen til et Tripadvisor-medlem og ikke fra TripAdvisor LLC.

antonellagorini
Milano, Italia10 bidrag
feb. 2020
un concentrato di arte e storia che rapisce per la bellezza del palazzo e per i tesori che ne conserva
Skrevet 16. november 2020
Denne anmeldelsen er den subjektive meningen til et Tripadvisor-medlem og ikke fra TripAdvisor LLC.

Michele L
San Giuliano Milanese, Italia1 844 bidrag
aug. 2020 • Par
Divisa in due parti, la prima archeologica e la pinacoteca. Nella seconda consiglio la madonna della rosa con il bambino e i santi di Michele Giambono e l’angelo custode del Guercino. Nella sezione archeologica da non perdere il mosaico della pantera, il busto di Livia, la statua di Claudio, un bel busto di Eracle è un bel mosaico di Poseidone che cavalca cavalli Marini.Da non perdere per gli amanti di storia
Skrevet 29. august 2020
Denne anmeldelsen er den subjektive meningen til et Tripadvisor-medlem og ikke fra TripAdvisor LLC.

Fabio M
374 bidrag
feb. 2020
Musei di piccole dimensioni e quindi digeribili senza stancarsi, eppure dotati di opere notevoli, sia statue d'epoca romana, sia ceramiche rinascimentali, sia soprattutto pitture tra 400 e 600. Notevole il Guercino, suggestivamente accostato alla poesia di Browning che ne dipende.
Skrevet 20. februar 2020
Denne anmeldelsen er den subjektive meningen til et Tripadvisor-medlem og ikke fra TripAdvisor LLC.

Ioana L
3 bidrag
jan. 2020 • Familie
Abbiamo fatto la visita guidata del museo e devo dire che ci è piaciuto tantissimo.Il museo non è grandissimo ma la nostra guida,mi pare si chiami Francesca, ci ha fatto semplicemente ripercorrere la storia di Fano con spiegazioni molto interessanti e accattivanti. Assolutamente da fare
Skrevet 20. januar 2020
Denne anmeldelsen er den subjektive meningen til et Tripadvisor-medlem og ikke fra TripAdvisor LLC.

tulud966
Moskva, Russland74 bidrag
sep. 2019
Дворец был построен в 1357г. Галеотто I Малатеста и расширен Пандолфо III Малатеста между 1413-1421 годами. Во дворце расположен городской музей и пинакотека. Работает среда-пятница с 9-00 до 13-00, четверг и суббота с 9-00 до 13-00 и с 17-00 до 20-00, воскресенье с 10-30 до 12-30 и с 17-00 до 20-00. Цена билета 4 евро. В музее хранится подлинная бронзовая статуя Фортуны с городского фонтана. В археологической коллекции представлены артефакты римского периода в том числе красивая мозаика изображающая Нептуна на колеснице запряженной морскими коньками 2-3 веков нашей эры. В пинакотеке выставлены картины Гверчино "Ангел хранитель", Благовещение" Гвидо Рени и другие.
Skrevet 21. oktober 2019
Denne anmeldelsen er den subjektive meningen til et Tripadvisor-medlem og ikke fra TripAdvisor LLC.

alfredo d
Roma, Italia355 bidrag
okt. 2019 • Alene
A Fano a volte il mare si sente nel naso anche quando non si vede, l'aria è leggera come le nuvole e il Carnevale è il più anziano d'Italia. C'è pure un forte ricordo di Roma Antica per la vittoria delle legioni contro i Cartaginesi di Asdrubale nei pressi del fiume Metauro, che la fece diventare Fanum Fortunae...anche in riferimento al tempio di Fortuna, dea del destino. Poi i Malatesta ne hanno attraversato (1300-1463) la vita sociale segnandola con edifici lotte feste e governo. In alterne vicende che in qualche modo si "leggono" nella forma e destinazione d'uso più volte adattate a nuove esigenze del loro palazzo simbolo. Che ospita da un po' la continua riscoperta di Marco Vitruvio Pollione e Leonardo. Architetto il primo (80 avanti Cristo), considerato il massimo teorico di sempre (De Architectura). Nato forse a Roma o forse a Fano...o chissà, ideatore e responsabile delle macchine d'assedio degli eserciti di Giulio Cesare...tuttora studiate in paesi militarmente evoluti. E anche studioso delle proporzioni del "perfetto" corpo umano. L'altro..il genio eclettico del Codice Atlantico da cui provengono i cinque disegni originali qui mostrati al pubblico (macchine militari, misuratori di tempo e distanza, chicche di geometria e architettura). Su fogli che dovranno riposare a lungo al buio per rilasciare la luce assorbita e tenuti lontani da mostre per almeno nove anni. Tutto dentro una sorta di dialogo tra Leo e Vitruvio, col genio toscano a "rubare" al romano segreti di idraulica e meteo, geometria e ottica, materiali e tecniche pittoriche, strumenti di misurazione e leggende su architetti e ingegneri...e prodigiose macchine antiche. Imitazione e sfida. Ben oltre l'uomo vitruviano e la teoria delle proporzioni. Semplicemente grandi...
alfredodenicolais
Skrevet 6. oktober 2019
Denne anmeldelsen er den subjektive meningen til et Tripadvisor-medlem og ikke fra TripAdvisor LLC.

Paola C
Roma, Italia2 606 bidrag
okt. 2019 • Par
Il  Palazzo Malatestiano è uno splendido esempio di architettura rinascimentale, fu edificato nel 1357, per volere di Galeotto I Malatesta ed ampliato da Pandolfo III Malatesta, tra il 1413 e il 1421. Attualmente ospita la Pinacoteca , con opere che caratterizzano il Rinascimento: vi sono esposte alcune pale d'altare come il Polittico di Michele Giambono, e la "Madonna col Bambino in trono" di Giovanni Santi, padre di Raffaello. Di notevole interesse è la tavola attribuita al Domenichino, le pregevoli tele di Simone Cantarini, di Giovanni Francesco Guerrieri e l'ammiratissimo "Angelo Custode" del Guercino. Nell'attiguo "Museo civico archeologico", è interessante la sezione relativa alle ceramiche e alle maioliche, e quella sulla numismatica, unica nel suo genere. Fino al 13 ottobre vi è inoltre la possibilità di vedere la mostra su: "Vitruvio e Leonardo: oltre il cerchio e il quadrato alla ricerca dell'armonia. I leggendari disegni del codice Atlantico". Un confronto tra il genio di Leonardo e il grande architetto Vitruvio , ispiratore di molte opere leonardesche a cui Fano ha dato i natali.

Skrevet 4. oktober 2019
Denne anmeldelsen er den subjektive meningen til et Tripadvisor-medlem og ikke fra TripAdvisor LLC.

Viser resultatene på side 1-10 av 47
Er det noe som mangler eller er unøyaktig?
Foreslå endringer for å forbedre det vi viser.
Forbedre denne oppføringen
Vanlige spørsmål om Museo Civico e Pinacoteca nel Palazzo Malatestiano

Museo Civico e Pinacoteca nel Palazzo Malatestiano er åpen:
  • Søn - Søn 10:30 - 12:30
  • Tir - Søn 17:00 - 20:00
  • Tir - Tir 21:00 - 23:00
  • Fre - Lør 10:00 - 13:00

Hoteller i nærheten av Museo Civico e Pinacoteca nel Palazzo Malatestiano: Se alle hoteller i nærheten av Museo Civico e Pinacoteca nel Palazzo Malatestiano på Tripadvisor

Restauranter i nærheten av Museo Civico e Pinacoteca nel Palazzo Malatestiano: Se alle restauranter i nærheten av Museo Civico e Pinacoteca nel Palazzo Malatestiano på Tripadvisor